Inserimento al nido e alla scuola dell’infanzia: libri consigliati

Il momento dell’inserimento al nido e alla scuola dell’infanzia coincide spesso con il primo distacco dalla famiglia e il primo contatto dei bambini con la società.

Ricordiamo che l’atteggiamento dell’adulto sarà fondamentale: il genitore dovrà affrontare con tranquillità il momento, accogliendo, confortando e incoraggiando con entusiasmo il bambino in questo momento tanto emozionante quanto delicato.

Proprio per questo, i genitori possono preparare e accompagnare i bambini in questo percorso attraverso la lettura di libri a tema adatti all’età.

Libri consigliati per l’inserimento all’asilo nido

A più tardi!

Età di lettura: da 2 anni.

“A più tardi!” è un libro per raccontare attraverso immagini e parole rassicuranti, i grandi baci della mattina, i giocattoli, i compagni, la pittura, la pappa, le pipì, il sonnellino, i litigi, le coccole, la stanchezza della sera e… la felicità di ritrovarsi! Quando si passa la giornata lontani l’uno dall’altro, è bello raccontarsela. Ma quando si è molto piccoli, come Milo, o un po’ più grandi, come Anna, non si hanno ancora le parole per parlarne.

L'asilo nido

Età di lettura: da 2 anni.

“L’asilo nido”, un libro stimolante, ricco di immagini per affrontare con i bimbi piccoli il tema dell’ingresso all’asilo nido.

Libri consigliati per l’inserimento alla scuola dell’infanzia

Età di lettura consigliata: da 3 anni

“Mamma ritorna sempre a casa” racconta non solo il viaggio della mamma e, nelle bandelle, l’attesa di Giovanna, ma anche di come gli affetti e l’amore possono coprire le distanze, compensare le assenze e trasformare la tristezza in allegria perché, come sanno tutti i bambini, “mamma ritorna sempre a casa”. Tutti i bambini sono tristi quando un genitore si assenta da casa, anche se sanno che tornerà dopo qualche giorno. È quello che accade a Giovanna, che rimane a casa con il papà mentre mamma parte per un viaggio di lavoro all’estero di cinque giorni. E come Giovanna impiegherà quel tempo per realizzare un cappello di carta per festeggiare il ritorno di sua madre, anche il libro si conclude dando ai piccoli lettori dei suggerimenti per creare il proprio cappello e una cartolina da spedire nei loro viaggi.

“Io vado!” Per uccellino è arrivato il momento di lasciare il nido. In famiglia tutti hanno qualche cosa per lui, tutti lo incoraggiano e lo accompagnano con piccoli gesti affettuosi: “Mettiti il maglione che potrebbe fare freddo”, “Eccoti dei biscotti se ti viene fame”, “Portati la torcia se per caso torni tardi”, “Mettiti il mio cappello che potrebbe esserci il sole”. C’è posto anche per un ombrellino, un libro come antidoto contro la noia e una radio per avere compagnia. E così, ben equipaggiato, uccellino si avvia tutto solo all’avventura. Ma dov’è diretto? Una storia lieve con un finale a sorpresa per accompagnare le prime esperienze di autonomia dei piccoli.

“Io vado a scuola”, ideato in collaborazione con Nicola Tomba e Antonella Dogliatti, esperto in psicologia prima infanzia e insegnante della scuola della prima infanzia, è lo strumento adatto per aiutare genitori e figli a prepararsi al meglio per questo momento speciale, e contiene tanti consigli per affrontare insieme questa nuova avventura e iniziare con serenità la scuola. Con libro-guida riservato agli adulti.

L’inserimento nella scuola dell’infanzia è una prima piccola grande sfida per i bambini, il primo vero distacco da mamma e papà e dal contesto famigliare, ma affrontare con coraggio questi momenti è quello che fa diventare grandi, e Martaruga e Kolan, i piccoli protagonisti delle due storie illustrate, lo sanno bene, perché anche loro sono alle prese con l’inserimento nella scuola. Grazie a questo libro scoprirai che il primo giorno di scuola di tuo figlio spesso è anche… il tuo! Quindi, è del tutto naturale sentirsi impreparati nel gestire i momenti in cui il bambino è spaventato dalla nuova situazione e dal cambio di abitudini. Che cosa fare per non arrivare impreparati? Come comportarsi? Che cosa occorre dire oppure che cosa è meglio non dire?

Età di lettura consigliata: da 4 anni

“Mattia va all’asilo”. Questo è il primo giorno di asilo per Mattia… Un libro che aiuta i bambini ad affrontare con serenità il loro primo giorno d’asilo. Ricco di illustrazioni e con un testo semplice e divertente.

“Quando arriva la mia mamma?” Che cos’è il tempo per un bambino piccolo? Che cos’è per lui un momento, un minuto, un secondo, un battito di ciglia? Nico lo scopre all’asilo, mentre gioca, disegna, mangia, canta e… aspetta la mamma per tornare a casa.

“Non voglio andare a scuola”. C’era una volta un coniglio birichino che forse conoscete già. Quando la mamma gli disse: “Domani è il tuo primo giorno di scuola tesoro”, egli rispose: “No, non voglio!”.

Ricordiamo che la lettura è un momento di condivisione e di relazione e non è mai troppo presto per iniziare a leggere libri a bambini piccoli, fin da quando sono neonati. Qui, un approfondimento sull’argomento.

Linee pedagogiche per il sistema integrato “zerosei”

Nessun Commento

Leave a reply

Baby Tips
Logo